top of page
  • redazione

Tunisia, pressione su Ue per stop cooperazione su controllo migranti




LA VALLETTA (MALTA) (ITALPRESS/MNA) – Sessantanove organizzazioni per i diritti umani di vari paesi, stanno esortando l’Unione Europea a interrompere la cooperazione con la Tunisia sul controllo della migrazione, insistendo sul fatto che lo stato nordafricano non dovrebbe essere considerato sicuro. All’UE viene chiesto di fornire percorsi sicuri per le persone che vogliono lasciare la Tunisia e di interrompere i finanziamenti per il controllo delle frontiere tunisine. Tra il 2016 e il 2020, più di 37 milioni del Fondo fiduciario dell’UE per l’Africa sono stati concessi alla Tunisia per la “gestione dei flussi migratori e delle frontiere”, hanno affermato le organizzazioni. Attualmente c’è un aumento nelle partenze di imbarcazioni dalla Tunisia verso Lampedusa. Ci sono due preoccupazioni principali poichè agli immigrati tunisini che effettivamente arrivano nell’UE non viene concessa protezione internazionale e rimpatriati nel loro paese mentre la Guardia costiera tunisina intercetta le barche e le costringe a tornare indietro. Le organizzazioni hanno affermato che le persone soccorse in mare e rimpatriate in Tunisia sono ad “alto rischio” di subire violazioni dei diritti umani e detenzione, indipendentemente dal fatto che siano o meno cittadini tunisini.

Comments


bottom of page