top of page
  • redazione

Ucraina, Crosetto “Putin va fermato e costretto a trattare”




ROMA (ITALPRESS) – Le richieste dell’Ucraina all’Italia “non sono cambiate rispetto al passato: serve materiale di difesa aerea, per difendersi dai missili”. Lo afferma in un’intervista a La Stampa il ministro della Difesa Guido Crosetto. “Non posso parlare del contenuto dei decreti emanato dal precedente governo. In quello che sarà approvato da questo non sono previste armi di artiglieria”, sottolinea. “Non posso fornire dettagli, ma il Parlamento, attraverso il Copasir, sarà sempre e puntualmente informato, come prevede la legge”, aggiunge il ministro. “Le pressioni internazionali che la Germania ha subito sono assurde. A differenza di quanto fanno alcuni politici con l’Italia, io non mi intrometto nel dibattito interno di altri Paesi – dice ancora Crosetto -. Ma non può sfuggire il dettaglio che il governo tedesco sia formato da una coalizione di partiti che in campagna elettorale avevano proposto una forte riduzione della spesa militare”. Per il ministro siamo in una fase diversa del conflitto “perché la Russia ha cambiato atteggiamento. È in arrivo una pesante campagna sul terreno e ci sono 300 mila soldati che la Russia sta formando per inviarli al fronte. L’Ucraina deve compensare la differenza numerica delle forze in campo. È per questo che le loro richieste di sostegno militare sono aumentate”. “La percezione delle opinioni pubbliche, non solo in Italia, è che questa guerra sia all’origine della crisi economica, e cresce il rischio che ci sia qualcuno che dia la colpa all’Ucraina, spaccando i nostri Paesi. È quello su cui punta Putin. C’è un terreno su cui la Russia e la Cina hanno un vantaggio rispetto agli altri, specialmente alle nostre democrazie occidentali – sottolinea Crosetto -: non hanno delle opinioni pubbliche a cui rispondere. I governi democratici occidentali invece devono prendere decisioni che vanno sempre spiegate, condivise e accettate dall’opinione pubblica. È il bello del consenso democratico. Ma in un momento di crisi questo può rappresentare un fattore di debolezza”. Secondo alcuni osservatori l’unico modo per far vincere la guerra all’Ucraina è un intervento militare della Nato. Per Crosetto “non si tratta di vincere la guerra, ma di far capire a Putin che non la può vincere lui e costringerlo a sedersi al tavolo della pace, perché non c’è alternativa alla trattativa diplomatica. Segnalo anche che è importante ricordare che la Nato, formalmente, è rimasta fuori dalla guerra proprio perché non si è voluto autorizzare il racconto “Nato contro Russia”. Il gruppo che si incontra periodicamente a Ramstein ad esempio ha dentro Paesi Nato, la Ue e Paesi non Nato che appoggiano l’Ucraina. E non è un caso che i russi cerchino di sfidare nazione per nazione chi appoggia l’Ucraina, Italia in testa”.

Comments


bottom of page