top of page
  • redazione

Medio Oriente, Tajani “Non possiamo accettare la violenza”




ROMA (ITALPRESS) – “E’ la strage più grande di civili che sia stata compiuta, dei ragazzi che ballavano non erano dei pericolosi aggressori del popolo palestinese. Noi siamo sempre per la linea due popoli e due Stati, abbiamo sempre lavorato perchè ci fosse una diminuzione della tensione, stiamo favorendo tutto ciò che può essere utile alla de-escalation. Noi lavoriamo per la pace ma questo non significa accettare la violenza di chi profana cadaveri, sono cose mai viste nella storia recente”. Così il vicepremier e ministro degli Esteri, Antonio Tajani, a Rtl 102.5. “Bisogna lavorare per salvare gli ostaggi israeliani e creare un corridoio umanitario, sosteniamo tutte le iniziativi in questa direzione. L’Italia condanna con grande fermezza l’aggressione contro Israele, il massacro di civili innocenti e la presa di ostaggi. Questo è un fatto gravissimo e abbiamo espresso la nostra solidarietà al popolo di Israele”, ha spiegato il ministro. “Dobbiamo preparaci a momenti difficili di grande tensione, noi stiamo lavorando con gli Usa, Germania, Francia e Gran Bretagna per una de-escalation. Dobbiamo cercare di impedire che si allarghi il conflitto mediorientale ad altri Paesi. La situazione è in totale evoluzione, per il momento c’è qualche preoccupazione ma non abbiamo segnali di attacchi di massa che potranno avvenire. Bisogna però tenere sotto controllo la situazione”, ha concluso Tajani.

Comments


bottom of page