top of page
  • redazione

Energia, Mattarella “Evitare sprechi aiuta il benessere di tutti”



ROMA (ITALPRESS) – “La Giornata nazionale del risparmio energetico si ricollega al Protocollo di Kyoto che per la prima volta riconobbe come le attività umane siano causa del surriscaldamento globale. Dal 2005 ‘M’illumino di menò è una importante iniziativa per promuovere il senso di responsabilità di ciascuno di noi nei confronti dell’ambiente. Sentirsi responsabili anche attraverso gesti semplici, come spegnere una luce quando non ve n’è bisogno, da parte di milioni di persone consente di evitare sprechi che inquinano e costano”. Lo afferma il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in un messaggio audio che ha aperto la diretta radio dal Quirinale in occasione della campagna “M’illumino di meno”. La Presidenza della Repubblica ha aderito, anche quest’anno, all’iniziativa, promossa in occasione della “Giornata Nazionale del Risparmio Energetico e degli Stili di Vita Sostenibili” e lanciata dalla trasmissione di Rai Radio2 Caterpillar per promuovere la cultura del risparmio energetico e del risparmio di risorse mediante la riduzione degli sprechi. L’illuminazione della facciata esterna del Palazzo del Quirinale sarà spenta dalle 19.00 alle 20.00. “La riduzione dei consumi, evitando quelli superflui, non significa rinunciare a utilizzare gli strumenti nuovi che negli ultimi decenni hanno reso a tutti noi la vita più semplice e a volte meno faticosa, ma significa contribuire al benessere di tutti, attraverso piccoli ma significativi cambiamenti delle nostre abitudini – prosegue il capo dello Stato -. Risparmiare energia richiede anche rendere più efficienti i nostri edifici, anche i più storici, compreso il palazzo del Quirinale che questa sera simbolicamente spegnerà le sue luci. Ciascuno di noi è chiamato a diventare più responsabile nei confronti del pianeta, dei nostri figli e dei nostri nipoti, con gesti contro lo spreco, comportamenti che spesso sono anche occasione per aprirsi agli altri, perchè esprimono solidarietà”.

bottom of page