top of page
  • redazione

Crosetto “In Ucraina si passi a una fase di negoziato”




ROMA (ITALPRESS) – “L’Italia farà sempre la sua parte a difesa della libertà. Continueremo a difendere la democrazia tutte le volte che ce ne sarà bisogno”. A dirlo in un’intervista a “Il Foglio” il ministro della Difesa, Guido Crosetto, che sull’Ucraina evidenzia come Kiev “finora ha fatto miracoli perchè ha resistito e in pochi pensavano che ci sarebbe riuscita. La comunità internazionale però oggi ha il dovere di pensare se sia possibile ottenere attraverso la politica ciò che non è stato finora possibile ottenere fino in fondo con le armi”. Secondo Crosetto “se si parte da questo presupposto, è chiaro che da una fase di conflitto militare sia necessario passare a una fase di negoziato politico. E il negoziato politico si costruisce così: non si può legittimare ciò che ha fatto la Russia ma bisogna cercare altri mezzi per ritornare allo stato che vi era prima dell’invasione”. Questo, per Crosetto, si può fare “solo in un modo: coinvolgendo le organizzazioni multilaterali, come l’Onu”. “Faremo del nostro meglio – assicura – affinchè l’Onu smetta di essere una creatura esanime e inizi a essere finalmente una creatura attiva, che si riappropri del proprio ruolo, e che sia in grado di intervenire in modo risolutivo, senza paraocchi, nei due grandi conflitti mondiali”. L’Ucraina, ma anche il Medio Oriente, dove l’Onu deve ora lavorare “per rimuovere Hamas, deve lavorare con i paesi arabi per cercare una guida alternativa in grado di rappresentare i palestinesi, perchè anche l’Anp non mi sembra nelle condizioni di poterlo fare. E nel lavorare verso quella direzione – conclude – deve costruire un’alleanza anche con la Nato”.

Comments


bottom of page