top of page
  • redazione

Clippers e Dallas ai play-off, Milwaukee risorge contro Boston




NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) – E’ sempre corsa a tre per il primo posto a Ovest, Clippers e Dallas intanto staccano il biglietto per i play-off mentre Milwaukee risorge contro Boston nel possibile antipasto della finale della Eastern Conference. Programma Nba ricco nella notte italiana, con ben 14 gare in calendario. Minnesota piega Washington 130-121, risalendo da -21 (miglior prestazione in carriera di Edwards con 51 punti, 19 punti e 16 rimbalzi per Gobert) e resta appaiata (55-24) a Denver, trascinata da Murray e Jokic (28 punti a testa) nel 111-95 su Utah. In scia (54-25) rimane OKC, che riabbraccia Gilgeous-Alexander (40 punti) nel 112-105 su Sacramento. Fra i Kings si interrompe a 61 gare consecutive la striscia in doppia doppia di Sabonis (8 punti e 13 rimbalzi). Play-off aritmetici per Clippers e Mavericks: i primi battono Phoenix 105-92 con la prima tripla doppia stagionale (la 199esima in carriera) di Westbrook, a referto con 16 punti, 15 rimbalzi e 15 assist, e una gara dominata (Suns sotto anche di 31) mentre Dallas, già certa dei play-off proprio con la sconfitta di Phoenix, centra la vittoria numero 15 in 17 gare a spese di Charlotte (130-104), con un Luka Doncic da 39+12+10. Lo sloveno sta viaggiando a 33.9 punti di media.La rincorsa al sesto posto a Ovest vede ora davanti New Orleans (110-100 su Portland con 31 punti di Murphy III e 29 di McCollum) mentre alla crypto.com Arena va in scena il possibile play-in fra Lakers e Warriors, attualmente al nono e decimo posto: ha la meglio Golden State 134-120 con 27 punti di Thompson e 23 di Curry, fra i gialloviola – privi però di Davis – 33 punti, 11 assist e 7 rimbalzi di LeBron James.A Est si sfidavano le prime due forze: reduce da 4 ko, Milwaukee si riscatta battendo 104-91 Boston nonostante l’infortunio al soleo di Antetokounmpo nel terzo quarto. Beverley (20 punti e 10 rimbalzi) il migliore dei Bucks, Tatum (22 punti) non basta ai Celtics che erano senza Horford e Porzingis. Ancora solo panchina per Danilo Gallinari. Milwaukee si tiene dietro New York, dove Brunson sfonda quota 40 per la seconda gara di fila, la decima in stagione: 45 per l’esattezza i punti nel 128-117 su Chicago. Non tiene il passo Orlando (ko per 118-106 contro Houston, nei Rockets 37 punti di VanVleet), che scivola al quarto posto ma la classifica resta cortissima: ad oggi solo le prime due si sono garantite i play-off. Indiana travolge Toronto 140-123 (30 punti per Haliburton, 16 per Siakam) e difende per il momento il sesto posto da una ritrovata Philadelphia, in serie utile da sei partite: 120-102 su Detroit (ancora out Fontecchio) l’ultimo successo, nel segno di Embiid, a referto con 37 punti, 11 rimbalzi e 8 assist. Attaccati ai Sixers restano gli Heat, che dopo due supplementari hanno ragione di Atlanta (117-111, 33 punti per Herro e quinto successo in sette gare). Quest’anno i play-off li vedrà dal divano di casa ma non ci sono dubbi che in futuro ne sarà protagonista assoluto: è Victor Wembanyama, 18 punti, 7 stoppate, 7 rimbalzi e 6 assist nel 102-87 con cui San Antonio batte Memphis.

Comments


bottom of page