top of page
  • redazione

A Caivano il parco “Cuore verde” grazie a riqualificazione dei Carabinieri




CAIVANO (NAPOLI) (ITALPRESS) – Un’area completamente devastata e abbandonata da un punto di vista ambientale, sociale e strutturale è diventata un Parco urbano con finalità didattico ricreative, grazie agli interventi di recupero e riqualificazione dell’Arma dei Carabinieri. È così che appare l’intero complesso ristrutturato, visto dall’alto, e che assume, grazie ai percorsi, la forma di un cuore, lo stesso ricreato sul logo del Parco e che richiama lo slogan “Il cuore verde di Caivano”. Il Raggruppamento Carabinieri Biodiversità, grazie al coinvolgimento dei Reparti Biodiversità dipendenti, ha collaborato, con il Commissario straordinario di Governo per Caivano, ai lavori di riqualificazione dell’area verde adiacente al Centro sportivo polifunzionale cosiddetto “Ex Delphinia” di Caivano. A tal fine, tra il Comando unità forestali ambientali e agroalimentari Carabinieri e il Commissario Straordinario, è stato stipulato un accordo di collaborazione che prevede il recupero di aree verdi e la realizzazione di percorsi didattico educativo e ricreativi ed eventuali ulteriori opere di risanamento e ripristino nel territorio del medesimo comune. L’obiettivo è dare a tutta la popolazione un messaggio di immediata operatività, attenzione, vicinanza, efficacia ed efficienza, soprattutto dopo le note vicende di cronaca, restituendo ai cittadini stessi la possibilità di fruire dell’area verde da anni abbandonata, e che, grazie agli interventi di recupero ambientale, è diventata una vera e propria oasi privilegiata per la salvaguardia della biodiversità, uno spazio ricreativo e di aggregazione. L’area, inizialmente in totale stato di abbandono, presentava molteplici criticità, dal punto di vista vegetazionale e ambientale per la presenza di molteplici tipologie di rifiuti, anche pericolosi, e dal punto di vista sociale per la tipologia di fruizione dell’area frequentata, a quanto riportato dalle cronache, da tossicodipendenti e sede di spaccio di stupefacenti. È stata necessaria, innanzitutto, una bonifica dell’area dai rifiuti presenti con interventi mirati alla completa rimozione della vegetazione infestante e alla sistemazione delle piante esistenti. Successivamente c’è stato il restauro della rete di vialetti e sentieri presenti nel progetto originario e la realizzazione di sistemi di illuminazione innovativi, tramite pannelli fotovoltaici, al fine di sottolineare l’importanza delle risorse sostenibili per la tutela dell’ambiente. È stata installata anche una casetta prefabbricata in legno con funzione di immobile di servizio e sono stati realizzati, all’interno del Parco, alcuni percorsi tematici educativi e punti di aggregazione. Il primo è il percorso benessere ideato lungo il perimetro esterno del Parco per massimizzarne la lunghezza, progettato sulla scia della naturale vocazione dell’area, concepita inizialmente come area di conforto per il centro sportivo attiguo, per consentire una fruizione a chi cerca di conseguire uno stile di vita sano che comprenda una blanda attività fisica. Lungo il percorso sono state realizzate delle tabelle con piccoli suggerimenti per preservare uno stile sano di vita nella quotidianità. Sono stati costruiti percorsi arborei tematici con specie dotate di descrizioni ed aneddoti sul loro uso nella vita di tutti i giorni. Sono state create un’aula didattica, intesa come elemento centrale del Parco situata, non a caso, al centro dello stesso a significare il ruolo fondamentale dell’istruzione nei processi di formazione sociale del cittadino e un’aula studio, ideata come punto di condivisione dell’esperienza formativa, corredata da vari punti di riflessione situati nelle piazzole lungo il perimetro del Parco, realizzati per l’attività di studio quotidiana che accompagna la crescita individuale. Sono state realizzate panchine che accolgono i fruitori e aiuole tematiche con lo scopo di divulgare la conoscenza del ruolo degli insetti e delle piante aromatiche. In una zona circolare del Parco è stata poi ideata una saletta lettura nel verde, un piccolo gioiello suggerito dalla naturale disposizione della vegetazione in un punto del Parco, con una panca particolarmente ergonomica, che riporta ai valori della calma e della meditazione astraendo il fruitore dal contesto circostante. Tutti gli arredi dell’area, comprese le panchine, sono stati realizzati con il legname proveniente da alberi morti per cause naturali all’interno delle Riserve Naturali dello Stato gestite dell’Arma dei Carabinieri e per i quali è possibile calcolare l’impronta di carbonio che viene trattenuta dagli stessi alberi.



Comments


bottom of page