top of page
  • redazione

Pnrr, Tajani “Con Bruxelles solo un fraintendimento”




“Tanti Paesi stanno rivedendo i loro piani, quello che accade anche per l’Italia è del tutto normale”, i botta e risposta con la Commissione Ue sono “frutto di un fraintendimento, niente di più”. Così, in un’intervista al Corriere della Sera, il ministro degli Esteri e vicepremier, Antonio Tajani. “Si è esasperato polemicamente un episodio già chiuso. C’è stata una frase di un portavoce, poi anche smentita, sul ruolo della Corte dei conti che era sbagliato anche nel merito. Non c’è nessun attacco da parte nostra alla Corte, nulla di strano nel fatto che si proroghi una norma varata dal precedente governo sui controlli non concomitanti ma successivi sulle spese”, spiega. “Il punto che ci interessa è lavorare seriamente sul Pnrr e utilizzare tutti i fondi a nostra disposizione”, sottolinea Tajani. Quanto ai tempi e i ritardi, osserva: “Sono molti i Paesi che stanno modificando i loro programmi di spesa, non solo noi. Il piano è stato varato durante la crisi del Coronavirus, poi ce n’è stata un’altra con la guerra e la crisi energetica, a tutti serve flessibilità. E serve non solo al governo, ma a tutti i soggetti che lavoreranno sul Pnrr, anche le amministrazioni locali di sinistra che gestiranno fondi. È un lavoro che ci impegna tutti”. Sui timori che, in vista delle Europee, un esecutivo di centrodestra possa essere oggetto di operazioni ostili da parte dei vertici Ue, Tajani chiosa: “Io mi aspetto istituzioni indipendenti dai singoli governi, sopra le parti. Ci saranno forze politiche che spingeranno in una direzione o nell’altra, ma spero e conto che la Commissione se ne tenga fuori, anche se in passato a volte non è successo”.

Comments


bottom of page