top of page
  • redazione

La Roma batte 2-0 il Frosinone, a segno Lukaku e Pellegrini




ROMA (ITALPRESS) – Con un gol di Lukaku, un sigillo di Pellegrini e due assist di Dybala la Roma batte 2-0 il Frosinone dell’ex Eusebio Di Francesco e ritrova la vittoria. All’Olimpico la squadra di Mourinho non convince fino in fondo sul piano del gioco ma, dopo la pesante sconfitta contro il Genoa, sale a quota otto in classifica. Si interrompe invece la striscia di imbattibilità di cinque giornate del Frosinone. E’ dei ciociari la prima occasione. Al 17′ Soulè pesca Cuni che scatta alle spalle della difesa e salta Rui Patricio: il tiro da posizione defilata però è impreciso. Un errore che pesa, perchè cinque minuti dopo la Roma costruisce il vantaggio con le sue due stelle in attacco: Dybala pesca in area Lukaku, che si libera di due avversari e col sinistro batte Turati. Al 26′ Cuni ha un’altra chance: Soulè premia il suo taglio, ma l’attaccante albanese scuola Bayern col destro calcia alto. La Roma fatica ad organizzare una pressione coordinata e si affida più che altro alle sbavature tecniche dei ciociari. Al 30′ Pellegrini ruba palla e serve Lukaku: il belga scarica un destro potente ma Turati respinge coi pugni. Al 57′ la Roma va vicina al 2-0. Dybala entra in area, salta sulla linea laterale Okoli e scarica per Lukaku con Monterisi che rischia l’autogol nel tentativo di deviare in angolo. Al 59′ l’argentino imbuca per l’inserimento di Bove, ma Turati in uscita sbarra la strada al classe 2002. Ci prova poco dopo anche Lukaku, ma la conclusione dalla destra del belga è altissima. Stesso esito anche per un tiro di Bove dai venticinque metri su scarico di Dybala. L’appuntamento dell’argentino con il secondo assist di giornata è rinviato all’83’. Sul suo cross da punizione, sbuca Pellegrini che al volo firma il 2-0 definitivo. Nel finale la stanchezza si fa sentire. E anche l’arbitro Marchetti ha i crampi. Otto i minuti di recupero ma il risultato non cambia più.

Comments


bottom of page