top of page
  • redazione

Fed, Powell “I tassi saliranno ancora”



MILANO (ITALPRESS) – Non basta un accenno di inflazione che scende per cambiare la politica monetaria della Fed. “Ripristinare la stabilità dei prezzi richiederà un po’ di tempo” afferma il presidente della Fed, Jay Powell intervenendo al seminario di Jackson Hole, la Cortina d’Ampezzo degli Usa. A luglio l’indice dei prezzi negli Stati Uniti ha segnato un rialzo del 6,3% contro il 6,8% di giugno. Il calo è frutto del ribasso dei prezzi dell’energia che ora è stato superato dagli ultimi eventi. E’ vero che gli Stati Uniti, essendo esportatori netti di petrolio e gas, sono abbastanza indifferenti al boom dei prezzi provocato dalla guerra in Ucraina. Non a caso le quotazioni del Wti, il petrolio trattato sulla Borsa di New York, dopo essere schizzato vicino a 130 dollari nelle settimane immediatamente successive all’inizio del conflitto è tornato in queste ore sui livelli precedenti alla guerra. Alla Fed, però, non basta. “Senza stabilità dei prezzi la nostra economia non funziona”, ha ribadito. Date le misure necessarie, in particolare rialzi dei tassi “è molto probabile una moderazione delle condizioni del mercato lavoro. Ci saranno difficoltà per famiglie e imprese – ha detto – sono conseguenze sgradevoli di quello che bisogna fare per ridurre l’inflazione. Ma non farlo sarebbe peggio”. I mercati hanno reagito male. Speravano in un atteggiamento più accomodante. La durezza del presidente della Fed ha spaventato: Milano perde il 2,4%, Francoforte il 2,27%, , Parigi l’1,68%. Male Wall Street. Intorno a metà seduta il Nasdaq perde il 2,4% e il Dow Jones l’1,61% Una reazione che il presidente della Fed aveva messo nel conto: “Più l’inflazione resta alta più sarà un problema”, ha detto il numero uno della banca centrale Usa nel suo tanto atteso – e breve – discorso politico annuale. Una tribuna cui Powell riserva sempre importanti annunci. L’anno scorso, per esempio, l’aveva scelta come momento rilevante per annunciare che la festa era finita ed era cominciata la scalata del costo del denaro. Ora ha ribadito che non ci saranno ripensamenti a breve, La Fed userà “con determinazione” gli strumenti a sua disposizione al fine di continuare a combattere la fiammata dei prezzi che si stanno adesso superando il loro livello più alto dagli ultimi 40 anni. “Mentre i tassi di interesse più elevati, la crescita più lenta e le condizioni del mercato del lavoro più flessibili faranno scendere l’inflazione, ci sarà un impatto negativo anche sulle tasche delle famiglie e delle imprese”, ha detto. “Questi sono gli sfortunati costi della riduzione dell’inflazione. Ma un fallimento nel ripristinare la stabilità dei prezzi sarebbe ancora peggio per l’economia”. Ancora parole da falco dunque per il banchiere centrale, che guardando a settembre ha lasciato la porta aperta a un aumento dei tassi di 75 o 50 punti. Non mancano gli effetti collaterali . Il settore edilizio in particolare, sta diminuendo rapidamente e gli economisti si aspettano che l’enorme aumento delle assunzioni nell’ultimo anno e mezzo probabilmente si raffredderà. Tuttavia, Powell ha avvertito che l’attenzione della Fed si basa su un raggio di lungo periodo, ancora un’orizzonte più ampio di un mese o due di dati. “Stiamo spostando la nostra posizione politica intenzionalmente a un livello che sarà sufficientemente restrittivo da riportare l’inflazione al 2%”, ha affermato. Guardando al futuro, il leader della banca centrale ha aggiunto che “il ripristino della stabilità dei prezzi richiederà probabilmente il mantenimento di una posizione politica restrittiva per qualche tempo. La documentazione storica mette fortemente in guardia contro l’allentamento prematuro della politica”.

Comments


bottom of page